venerdì 20 marzo 2009

PRIMAVERA


La poesia che scrivo in questo post, risale al 1990, quindi 19 Primavere fa per me...ma Primavera, quando arriva è sempre la stessa, si presenta sempre con gli stessi abiti colorati, anche quando arriva alla sua quasi sessantesima come nel mio caso.

Ho scelto come immagine ...i Papaveri, perchè saranno loro a prevalere dopo il giallo intenso della Forsythia, a rendere di fiamma col loro rosso e la loro leggerezza alcuni prati, che hanno ispirato non poche volte i pittori.


PRIMAVERA

Coro armonioso

Di mille uccelli

tavolozza immensa

sfumata

di meravigliosi colori

Sei tu

PRIMAVERA

Regina fra le stagioni

superbo risveglio

di vita

e di

POESIA

11 commenti:

lartedinadia ha detto...

Cara Franca,

Tu hai cantato magistralmente la Primavera con la tua poesia, io invece l'ho dipinta: due modi diversi di interpretare il medesimo soggetto.

Ciaooooooooooooo
Nadia

lartedinadia ha detto...

Franca,

Mi fa molto piacere che il mio quadro "E' arrivata la primavera" ti sia piaciuto. Spesso lavoro con materiali di recupero: in questo caso ho utilizzato una base costituita da un pezzo di faesite laminata simil-legno (dim. ca. 40x50 cm) che ho recuperato in montagna. Ho quindi ricavato l'ovale dipingendolo con una mano di masonite bianca e ho lavorato il bordo intorno all'ovale con della vernice color noce semitrasparente. Quindi ho proceduto a dipingere ad acrilico il fondo dell'ovale e la figura della primavera. Per ultimo ho dipinto i fiori che - se non ricordo male - ho eseguito con dei colori ad olio. E' - come si dice in gergo - una tecnica mista.
Ciaooooooooooo
Nadia

Arianna ha detto...

Tira un forte vento gelido, questa poesia è l'unica cosa che fa primavera! Ciao, Arianna

Surrealina ha detto...

E speriamo che questa tua poesia (come una sorta di ballo della pioggia ...) sia di buon auspicio. Quaggiù abbiamo davvero bisogno di un raggio di sole. Bacio.

lasettimaonda ha detto...

Ciao cara Franca!
Bellissima la foto che hai postato...adoro i papaveri!
Si, i preparativi fervono, oggi che è ilo giorno giusto, lo abbiamo trascorso molto tranquillamente, solo noi due, senza particolari festeggiamenti, tanto sole ed un'aria ancora un pò freschina.
Ma siccome sono una mattachiona, ho organizzato un pranzone a sorpresa per domani a mezzodì....saremo in 11 e lui non ha sospettato nulla, però ti lascio immaginare la fatica ad organizzare tutto di nascosto, cucinare tutto senza farmi accorgere....meno male che sarò aiutata da altre partecipanti, parenti e non, poi nel pomeriggio arriveranno un pò di amici ed arrivaremo a quota diciotto....meno male che ho previsto ben tre torte!!!
Immagino la sua faccia....sarà sorpresissimo e spero contento!
Nè io nè lui siamo tipi da "feste", però sono solo intimi e credo che gli farà piacere!
Lunedì metterò qualche foto, sempre che riesca a farle, visto il casino.......ti ringrazio per gli auguri e buon primo giorno di primavera!!!!!Syl-vietta

Elisa ha detto...

Bella immagine della Primavera: una stagione che può essere perennemente presente in noi se la viviamo internamente come risveglio della nostra essenza.
La tua poesia è delicata e leggera...come l'aria della stagione che inneggia.

Fra le melodie della natura che più di tutte mi "catturano", c'è il suono degli uccellini, il loro cinguettìo, mi dona spensieratezza!

Una buona domenica.

Daniele Passerini ha detto...

Mi associo agli elogi!
La vedo molto bene associata all'Arcano maggiore dell'"Imperatrice".

artemisia ha detto...

Il papavero per me ha un significato molto particolare. Ti ringrazio.

sara ha detto...

delicata poesia...

ti auguro una buona serata!

casa da poesia ha detto...

amo el color de jade
y el perfume enervante de las flores...!?...salut!

Nicole ha detto...

Fresca e gioiosa...